Nazioni: Mali

In questi giorni si parla molto del Mali e del discusso intervento francese per contrastare le “solite” forze di Al-Qaeda, senza stare troppo a discutere di geopolitica ci siamo chiesti: ma che paese è il Mali? Cosa sappiamo noi del Mali? A parte il fatto che sta in Africa intendo. Innanzi tutto ci troviamo in Africa occidentale e stiamo parlando di un paese senza sbocchi sul mare, circondato da molti altri stati più conosciuti, come il Senegal e la Costa d’Avorio. E’ un paese estremamente povero anche a causa di un clima totalmente arido e di una morfologia ambientale spietata che divide il paese tra deserto a nord e savana al sud, le caratteristiche tipiche del Mali non predispongono né facilitano alla vita.

Mali mapBassa speranza di vita attestata intorno ai 54 anni, mortalità infantile oltre il 12%, condizioni sanitarie spaventose e tasso di analfabetismo a livello 81%. Un paese poverissimo. Eppure allo stesso tempo un paese ricco… ricco di risorse importantissime. Facciamo giusto un paio di nomi Oro e Uranio. La maggior parte dei giacimenti minerari sono mal sfruttati e quelli ben utilizzati sono generalmente in mano a compagnie europee (francesi). L’industria è quasi inesistente e il passaggio del fiume Niger è utilizzato soprattutto per la pesca atta al consumo interno del pesce.

A livello agricolo la produzione è molto varia e spazia dal mais al cotone, dal riso alla canna da zucchero… varia, ma non produttiva a livelli ottimali, nonostante impegni la maggior parte della popolazione le caratteristiche del clima e del territorio non rendono la vita facile ai coltivatori del Mali.

Storicamente nel Mali si sono susseguiti tre imperi prima che i Francesi cominciassero a colonizzare il paese nella seconda metà del ‘800. Congiuntamente al Senegal il paese ottenne la formale indipendenza nel 1960, dopo di che divenne teatro di colpi di stato dal 1968 al 1991. Da quella data e per quasi vent’anni c’è stato un periodo di relativa calma e stabilità nel paese, con governi che hanno varato diverse riforme per migliorare le condizioni di vita della popolazione. Poi nel 2012 qualcosa è cambiato. Un colpo di stato militare ha soppresso molte delle libertà del paese con la scusa di fronteggiare più efficacemente i ribelli tuareg delle zone desertiche del nord del paese, a questi ribelli si sarebbero aggiunte poi alcune fazioni estremiste islamiche generando così una guerra civile molto sanguinosa. E proprio in questo contesto la Francia ha deciso di intervenire attivamente per supportare i militati golpisti contro i ribelli, con il chiaro intento di proteggere i propri interessi economici in quell’area… come spesso e volentieri è capitato in Africa dal 1950 in poi.

Mali mercato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...