Film: Memories of Murder (2003, Bong Joon-ho)

Ieri sera mi sono messo per caso a curiosare sulla pagina wikipedia relativa a Jack lo squartatore. Non che fosse una storia a me sconosciuta, ma volevo rileggermi tutta la storia delle indagini, delle supposizioni della polizia britannica e le ipotesi sulla personalità del brutale assassino di Whitechapel. Da lì sono finito su altre pagine di serial killer più o meno noti, vedi per esempio Ted Bundy oppure John Wayne Gacy (quello di “Pogo the clown”). Mi sono sempre piaciuti i film sui serial killer, soprattutto per quello che riguarda l’aspetto legato alle indagini della polizia, allo studio della personalità dell’assassino nel tentativo di inquadrarlo ed infine acciuffarlo. Per tanti criminali che sono stati presi altrettanti l’hanno fatto franca. Bundy e Gacy vennero giustiziati, Jack non fu mai preso.

Tutto questo mi ha fatto tornare alla mente un film coreano che racconta  l’agghiacciante storia del primo serial killer della Corea del Sud. Accade tutto a metà anni ’80 in campagna, lontano dai grandi centri urbani: diverse ragazze vengono trovate morte in mezzo ai campi, sui corpi vengono trovate evidenti tracce di violenza sessuale. Però la polizia non è preparata a gestire una situazione come questa sotto tutti i punti di vista, primo tra tutti quello mediatico. Non ci sono mia stati casi del genere nel paese prima di quel momento (non casi conosciuti almeno) e ogni uomo della zona diventa un potenziale sospettato, tutti vengono ascoltati, tutti interrogati e taluni anche picchiati dagli investigatori. L’unico che sembra sapere qualcosa è un ragazzo malato di mente, la cui confessione sembra chiudere le indagini una volta per tutte. Ma non è lui l’assassino. No, lui è stato un semplice testimone, il killer è un altro e continua ad uccidere. Alla fine si troverà un probabile colpevole, ma la mancanza di prove concrete e la morte dell’unico testimone faranno si che non metta mai piede in carcere.

Memories of Murder

Il film si chiude con una memorabile quanto beffarda scena finale, lasciando lo spettatore impotente nel presentimento che nulla sia finito… nella Corea del Sud un serial killer si aggira ancora per le strade…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...