4 – Giornata al parco

Come in ogni città che si rispetti anche nella mia città onirica esiste un grande parco, un enorme polmone verde a ridosso della città. Nei miei sogni esso ha sempre una indefinita collocazione a sud-ovest, forse a simboleggiare un parco abbastanza grande a Casalecchio di Reno, subito fuori da Bologna. Nei miei sogni esso è un luogo molto importante per la città e lo si può raggiungere con ogni mezzo di locomozione… treno? tram? bus? bicicletta? piedi? auto? non fa differenza.

E’ esattamente lì che decido di recarmi in un bel mattino di primavera con il nobile scopo di dedicarmi alla lettura. Per l’occorrenza porto con me un quotidiano, alcuni libri di psicoanalisi e il mio libro di letteratura italiana delle medie. Arrivo a piedi in al parco e comincio ad inoltrarmi sempre più nel profondo della tranquillità verdeggiante, mi fermo infine vicino ad una serie di campi da tennis dove si tengono gli allenamenti di giovani promesse (o presunte tali) della racchetta. L’insegnate di questi ragazzi è una vecchia megera rinsecchita dai capelli ricci rossi e non sembra gradire la mia presenza intorno al campo, dopo alcuni battibecchi decido quindi di allontanarmi dai campi da tennis. Nel mio peregrinare incontro un mio amico (tale Fabio) che mi invita a lasciare il parco per tornare verso la città a bere un qualcosa di fresco, forse una birra. Accetto l’invito e mi incammino con lui. Arriviamo così sino ad uno strano ponte d’acciaio dall’aria fredda e tetra. A metà ponte mi accorgo di una cosa: non ho più i libri con me!

Saluto il mio amico e mi affretto verso il parco… e nel mentre cerco anche di ricordarmi dove ho infilato quei libri. Già… dove? Per scendere più velocemente prendo un trenino a vapore che casualmente ha la sua fermata poco distante dal ponte. Appena salgo non posso non notare una ragazzina che mi sembra di conoscere, però lì mi appare molto giovane, mentre io sono quasi certo di conoscerla come una mia coetanea. Mi avvicino e le rivolgo qualche domanda, cercando di non sembrare assolutamente un pervertito che ci vuole provare con una ragazzina. Questa molto tranquillamente mi dice solo che sa dove ho lasciato i miei libri e che mi aiuterà a ritrovarli dal momento che non ci vorrà molto. Mi rivela di avere 17 anni, ma non mi vuole spiegare altro.

Scesi dal trenino mi prende per mano e mi trascina per il parco con fare sicuro. Mi porta in un grande spiazzo dove ci sono alcune panchine e ne indica una: sopra ci sono i miei libri e il mio quotidiano. Appena mi siedo sulla panchina il mondo intorno a me cambia totalmente. Quella porzione di parco si trasforma in una immensa cattedrale gotica, silenziosa ed austera, dove la mia panchina diventa una delle tante panche rivolte verso l’altare. La ragazzina attira la mia attenzione e mi fa cenno di raggiungerla. In un angolo accanto a lei c’è una gatta che sta partorendo. Assistiamo a tutto il parto da cui nascono 9 gattini… ma 2 nascono morti e in pochi istanti si dissolvono come per magia. Restiamo lì a coccolare e guardare questa cucciolata che nel frattempo sembra crescere oltre ogni legge della natura: in pochi minuti i gattini diventano delle vivaci bestioline di circa un mese.

All’improvviso tutto diventa buio e dal nulla appare un enorme robot che ci assale con l’intento di uccidere l’intera cucciolata… senza fornire una spiegazione. Dico alla ragazzina di mettersi in salvo coi gattini e ingaggio una lotta furente con questo robot, ma lui è nettamente più forte di me e prendo botte sempre più forti minuto dopo minuto… ma almeno lo tengo occupato e distratto.

E il mio piano funziona: la ragazzina scappa inosservata con l’intera cucciolata dentro una scatola.

Il robot continua a menarmi per qualche minuto, poi si accorge che qualcosa non va. Si ferma. Si guarda in giro. Niente più gatti… con aria malinconica mi guarda e poi se ne va per la usa strada.

Io resto insanguinato attaccato ad una panca della cattedrale. Non male per una tranquilla giornata al parco. Con calma riprendo i miei libri e me ne vado. C’è il tramonto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Sogni e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a “4 – Giornata al parco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...