Storie della Bolognina – 4

4 – L’ IMPERATORE

Incontrando il signor Giuseppe in un qualsiasi bar della Bolognina lo si poteva vedere sempre intento ad intrattenere gli avventori con battute scherzose, spesso e volentieri piccanti, come se di professione fosse stato un comico degli anni ’70 uscito da un film della commedia all’Italiana. Era un gaudente sotto tutti i punti di vista e non lo nascondeva a nessuno tanto da poter parlare per ore dei viaggi che aveva fatto, delle cose che aveva mangiato e delle donne con cui era stato; ad una prima impressione potevano sembrare i vanti di un parolaio, ma lui raccontava solo la pura e semplice verità. Chi lo conosceva da una vita sapeva che era un uomo che aveva ereditato una fortuna dalla sua famiglia e in modo molto oculato aveva investito i suoi soldi in appartamenti e successivamente li aveva messi a reddito aumentando ulteriormente i suoi capitali. Il signor Giuseppe non aveva mai avuto il bisogno di lavorare, anche se obiettava spesso che la gestione di tante proprietà alla fine fosse un lavoro a tempo pieno non privo di stress, questo gli aveva permesso di godersi la vita e girare il mondo esplorandone le bellezze più remote e i suoi racconti non nascevano mai da una egocentrica voglia di mettersi in mostra bensì dal bisogno di rendere partecipi gli altri di meraviglie di cui forse non avrebbero mai potuto godere. A modo suo era un filantropo.

La fortuna del signor Giuseppe incominciò nel Novembre del 1978 con un evento spiacevole. In quel periodo i suoi genitori stavano viaggiando intorno al mondo per una sorta di secondo viaggio di nozze, approfittando del fatto che il loro unico figlio fosse già maggiorenne ed in grado di cavarsela tranquillamente da solo in tutte le faccende importanti. Il loro programma li aveva portati prima negli Stati Uniti, poi in Argentina e Brasile ed infine erano arrivati in Thailandia per passare una settimana sulle magnifiche spiagge di Phuket. Una sera durante un tentativo di rapina i due coniugi rimasero entrambi uccisi e così Giuseppe si ritrovò da solo da un momento all’altro. Sino ad allora non si era mai interessato a questioni economiche e non era neppure cosciente della fortuna che avevano messo da parte i suoi genitori in tanti anni di lavoro, quando si rese conto dell’enormità della somma ereditata inizio a passare le sue giornate tra un eccesso e l’altro, sperperando denaro senza sosta in velleità.

Un suo amico d’infanzia e vicino di casa un giorno si recò da lui e riuscì a farlo ragionare esponendogli un piano per aumentare anziché diminuire quella eredità, chiaramente in tutto questo ci sarebbe stata anche una fetta discreta per lui che aveva partorito quell’idea. Il programma di base consisteva nell’acquistare un numero abbastanza alto di immobili da poter mettere a reddito successivamente, da una parte si sarebbero acquistati appartamenti abbastanza grandi da ospitare una famiglia dall’altra si sarebbero acquistati appartamenti più piccoli ideali per un single o al massimo per una coppia. Per una gestione più semplice delle magagne burocratiche e di eventuali problematiche con gli inquilini era necessario che tutti gli immobili fossero concentrati all’interno dello stesso quartiere e la Bolognina si prestava benissimo alle loro esigenze, del resto era la zona in cui erano nati e cresciuti e quindi la conoscevano alla perfezione. Gli appartamenti più grandi erano da affittare a delle famiglie a dei prezzi di normale mercato immobiliare e dovevano essere acquistati in palazzine decorose, per invogliare famiglie rispettabili e non disagiate. Le abitazioni più piccole dovevano essere destinate ad un business più interessante. Mario, così si chiamava l’amico, aveva in mente di creare un giro di prostitute che ricevessero in casa i clienti e per questo ci volevano degli appartamenti piccoli inseriti in contesti più popolari e che attirassero meno l’attenzione onde evitare prima di tutto problemi con altri condomini e di rimando con le forze dell’ordine. A Giuseppe non doveva interessare la provenienza delle ragazze, quello era un aspetto che avrebbe curato totalmente Mario e per il quale avrebbe ricevuto una buona percentuale sugli introiti. La professionista in affitto avrebbe pagato un canone a livelli di mercato e poi in nero avrebbe corrisposto una cifra di pari entità che i due amici si sarebbero divisi equamente.

L’idea poteva funzionare e per Giuseppe non era un problema dover fare il primo passo di investire i soldi ereditati, tanto più che le prospettive di guadagno erano tutt’altro che esigue, in fondo si trattava di trarre guadagno dalla professione più antica del mondo e farlo all’interno di appartamenti avrebbe creato molti meno problemi che svolgerlo sul ciglio di una strada: la discrezione era fondamentale.

Iniziò così la grande avventura dei due amici. In breve tempo il signor Giuseppe acquistò dieci appartamenti, la metà dei quali adibiti al libero esercizio della professione da parte di ragazze presentate dal suo amico e provenienti da paesi dell’ est Europa. Il business si rivelò da subito molto interessante e redditizio. Da un lato c’erano gli affitti regolari che erano di per se un’ottima rendita, mentre dall’altro c’erano delle entrate in nero da utilizzare per godersi la vita da ogni punto di vista. Fu così che il signor Giuseppe iniziò a viaggiare in giro per il mondo alla scoperta delle sue meraviglie, pur evitando sempre accuratamente la Thailandia per la paura di fare la medesima triste fine dei suoi genitori. In Bolognina tutto sembrava tranquillo, nei palazzi in cui lavoravano le ragazze non c’erano lamentele di alcun tipo e tutto si svolgeva nella massima discrezione possibile.

Nel giro di pochi anni i due soci ebbero modo di implementare il loro giro di affari, sfruttando momenti favorevoli del mercato immobiliare e le grandi risorse pulite messe da parte dal signor Giuseppe; nel 1984 le proprietà erano passate da dieci a sedici e le ragazze da cinque a otto. Era un’idea che andava dal momento che un uomo andando direttamente a casa della professionista non rischiava in primo luogo di farsi pescare dalla polizia in momenti inopportuni e in secondo luogo aveva garantito il rispetto delle più basilari norme igieniche come si usava ai tempi delle case di tolleranza. Un servizio di qualità faceva si che la voce si spargesse col passaparola e che il giro di clienti aumentasse quasi costantemente portando incassi sempre maggiori nelle tasche delle ragazze e dei due amici. Fu in quel periodo che il signor Giuseppe iniziò a diventare l’uomo più conosciuto nei bar della Bolognina nella veste di intrattenitore e cantastorie, tanto più che la maggior parte delle volte entrava nei locali senza consumare nulla e investiva gestori ed avventori con fiumi di parole quasi inarrestabili. L’errore più frequente lo facevano i malcapitati che lo incontravano per la prima volta e che dopo un primo racconto veloce di una qualche vacanza gli rivolgevano qualche domanda, a quel punto il signor Giuseppe si sentiva legittimato a continuare per ore i resoconti delle sue imprese. Se poi nel bar c’erano delle signore non risparmiava gli apprezzamenti spinti a voce alta, ma in fondo riusciva a farsi voler bene con la sua aria da bambinone esagerato in tutte le sue espressioni. Nessuno avrebbe mai sospettato della sua fonte di guadagno nascosta. Mario era quello più invischiato nella faccenda, la vera mente del piano, l’uomo con gli agganci per far arrivare le ragazze dall’ Est, il losco figuro con la faccia d’ angelo che probabilmente aveva anche delle buone conoscenze in questura.

La fortuna dei due amici fu indubbiamente la decisione di non tirare troppo la corda con quel business milionario. Mentre passavano gli anni e si implementavano le loro ricchezze presero la decisione di non affittare ulteriori appartamenti a delle professioniste, lasciando adibiti a quel giro solo una quindicina di alloggi in tutto. Nel frattempo anche Mario aveva cominciato ad acquistare delle proprietà immobiliari e le aveva affittate a delle normalissime famiglie. Per tutti gli anni ’90 gli affari proseguirono a gonfie vele e senza intralci.

L’unico grande problema fu l’escalation di aperture di centri massaggi cinesi nel quartiere, dal momento che molti di quei saloni in realtà nascondeva attività di professioniste cinesi a basso costo e per questo terribilmente competitive sul mercato della prostituzione; inoltre l’arrivo delle donne orientali era una novità che avrebbe generato introiti economici non indifferenti per i loro papponi. Alla fine del 2004 il signor Giuseppe aveva solo sette professioniste in attività nei suoi appartamenti e cominciò a pensare seriamente di ritirarsi dal giro dal momento che ne aveva tratto tutti i benefici possibili. Continuava a godersi i suoi viaggi per il mondo soddisfatto della fortuna che la vita gli aveva riservato, dopo tanti anni poco gli importava se tutto era nato dalla tragica scomparsa dei suoi genitori, lui era libero di vivere come voleva, senza la schiavitù del lavoro e senza orari stabiliti da altri, poteva essere tutto o niente, ma era lui a deciderlo in autonomia.

La premiata ditta chiuse i battenti alla fine del 2009, surclassata dal monopolio cinese del mercato e dall’esigenza di risparmio dettata dalla crisi economica nascente. In fondo fu una fortuna per i due amici, perché da quel momento tutti i loro guadagni furono puliti e sotto la luce del sole, inattaccabili sotto tutti i punti di vista. Il loro colpo di genio era stato distinguersi dagli altri nella brama del denaro tenendosi sempre al riparo dall’eccessivo bisogno di guadagnare soldi, avevano ottenuto il giusto e lo avevano reinvestito in modo pulito, avevano capito quando era il caso di stabilizzarsi e quando era giunto il momento di fermarsi. Erano stati più furbi e più scaltri di tanti altri ladri e papponi in giro per il paese, campando senza lavorare e senza dare nell’occhio.

Eppure incontrando il signor Giuseppe al bar nessuno avrebbe mai sospettato che fosse uno dei due uomini più discreti d’Italia.

Annunci

Progetto WW1: 12 – 31 Marzo 1917 – La Rivoluzione russa

La guerra sarebbe durata solo pochi mesi. A Natale tutti sarebbero stati pacificamente a festeggiare nelle proprie case accanto ai propri cari. Questo era lo spirito che aveva animato sia i politici che i militari nelle prime settimane di guerra del 1914. la realtà nei primi mesi del 1917 era quanto di più lontano da quelle previsioni. Mantenere lo sforzo bellico su più fronti era un costo economico-umano altissimo per tutte le nazioni chiamate in causa e tutte cominciavano a risentire di una certa “stanchezza” sociale che creava legittime problematiche sul “fronte interno” di ogni nazione. Chiaramente le nazioni meglio organizzate erano in grado di fronteggiare queste problematiche in maniera da non farle crescere in qualcosa di più problematico, ma le nazioni che vivevano già un dissapore sociale antecedente al 1914 non potevano che trasformarsi in pericolosissime polveriere.

La Russia degli Zar era un gigante. Uno stato enorme pieno di contraddizioni e di disuguaglianze sociali tremendamente lampanti. La nobiltà e la classe agiata era lontana anni luce dalle problematiche delle fabbriche e delle campagne… e questo era già un grosso problema prima della guerra. Inoltre a livello infrastrutturale il paese era molto arretrato e questo si sarebbe dimostrato un problema enorme per gli approvvigionamenti durante il conflitto. Lo Zar era mal consigliato dai suoi ministri e a nulla era valso il parere di Rasputin di non entrare in guerra.

La guerra era cominciata e la Russia si era rivelata un gigante troppo debole per competere con degli Stati moderni… nel 1917 lo Zar non possedeva più la Polonia, la Bielorussia, la Lituania e buona parte dell’Ucraina e della Lettonia; l’unica campagna veramente vittoriosa era quella del Caucaso contro l’altro grande impero malato, quello Ottomano. L’esercito aveva sottratto oltre diciassette milioni di uomini ai vari settori produttivi e questo aveva avuto un effetto estremamente negativo sulla, già precaria, economia  del paese. Le battaglie, le sconfitte, le inutili tattiche massacranti e le enormi perdite avevano creato dei conflitti insanabili all’interno dello stesso apparato militare, il quale non riceveva più nemmeno i rifornimenti necessari a proseguire i combattimenti. Nelle città la situazione non era migliore: la situazione nelle fabbriche e nel commercio era disperata. Cominciarono le diserzioni dell’esercito e i grandi scioperi politici nelle città. Lo Zar non era in grado di invertire la rotta della sua nave e la tempesta l’avrebbe investito in pieno.

San Pietroburgo (allora Pietrogrado) il giorno 8 Marzo 1917 cominciarono i primi grandi scioperi. [In Russia non era in vigore il calendario gregoriano in quegli anni bensì quello giuliano, per cui quando si parla di Rivoluzione di Febbraio e di Ottobre in realtà i  mesi di riferimento sono Marzo e Novembre]. Dai 90.000 scioperanti del 8 Marzo 1917 si passò ai 200.000 del giorno successivo. Le autorità non sapevano bene come reagire e nelle prime giornate la polizia si limitò più che altro a controllare che la situazione non degenerasse, ma era ormai evidente che qualcosa si era rotto nella macchina russa. Il 10 Marzo 1917 il numero degli scioperanti era salito a 240.000 e la polizia cominciò a reagire utilizzando le armi da fuoco, ma la folla rispose con le medesime armi. L’esercito chiamato a reprimere le manifestazioni, congiuntamente alla polizia, non intervenne contro gli insorti e già dal 11 Marzo 1917 cominciarono diverse sparatorie e scontri in molte zone della città, tanto che a sera il governo decretò lo stato d’assedio. Il 12 e il 13 Marzo 1917 le truppe di guarnigione a Pietrogrado si unirono ufficialmente agli insorti e in città presero a formarsi i primi Soviet (consigli). Nel frattempo la protesta si era estesa anche a Mosca.

Di fatto il 14 Marzo 1917 i Soviet consegnarono il potere nelle mani del Comitato della Duma, il parlamento russo che doveva restare sciolto sino ad Aprile secondo le disposizioni dello zar. Il Comitato si mise subito a lavorare e il 15 Marzo 1917 aveva già provveduto ad individuare i nomi dei futuri ministri, mentre come Presidente del Consiglio e ministro dell’Interno venne scelto il principe L’vov. Vista la situazione allo Zar non restò che abdicare in favore del fratello Michele, quest’ultimo però il giorno successivo (16 Marzo 1917) abdicò a sua volta lasciando il paese nella mani del governo provvisorio e dei Soviet. Nasceva la Repubblica Russa, che avrebbe avuto una vita breve ed estremamente instabile.

la-famiglia-di-nicola-II

La famiglia dello Zar Nicola II

Nel frattempo continuava la campagna britannica in Mesopotamia con l’Offensiva di Samarrah cominciata il 13 Marzo 1917, nel tentativo di scacciare gli Ottomani anche dal nord della regione. Le truppe di Maude il 19 Marzo 1917 conquistarono Fallujha e continuarono ad incalzare gli avversari. Sul fronte della Palestina invece il 26 Marzo 1917 i Britannici persero la Prima Battaglia di Gaza, non riuscendo a penetrare efficacemente in quel settore.

 

Progetto WW1: 21 Febbraio – 11 Marzo 1917 – La presa di Baghdad

Baghdad venne fondata nel 762 su ordine del Califfo Al-Mansur, diventando presto un fiorente centro politico, culturale ed economico. Nella sua storia è stata più volte conquistata, saccheggiata, diroccata e ricostruita; a partire dalla conquista mongola del 1258 sino alla più recente occupazione americana del 2003. Sotto l’Impero Ottomano la città era una roccaforte chiave per il controllo della regione del Iraq e la sua perdita avrebbe spianato la strada alle forze Inglesi nella corsa verso nord, senza considerare l’enorme importanza dei pozzi petroliferi della regione… aspetto ancora oggi tremendamente rilevante nella drammatica quotidianità del popolo iracheno.

kut

Truppe Britanniche rientrano a Kut

Il 23 Febbraio 1917 si combatté la Seconda Battaglia di Kut (luogo del lungo assedio durato dal 15 Dicembre 1915 al 29 Aprile 1916) risoltasi con una netta vittoria britannica. Le truppe impegnate erano 55.000 soldati di origine indiana agli ordini del generale Maude. Le truppe ottomane riuscirono comunque a ritirarsi lungo il corso del Tigri, cosa che non era riuscita ai 13.000 soldati di Sua Maestà catturati alla fine del precedente assedio.

La Battaglia per Baghdad fu invero poca cosa rispetto agli scontri che l’avevano preceduta. Si risolse tutto nel giro alcune ore del 8 Marzo 1917, quando le truppe ottomane, numericamente inferiori, non riuscirono a respingere i soldati di Maude a 50 km a sud della città. La scelta per il comandante Khalil Pasha era obbligata: ripiegamento su Baghdad e successiva evacuazione della città. Tre giorni dopo, 11 Marzo 1917, le truppe britanniche occupavano Baghdad e allontanavano la minaccia ottomana dai possedimenti persiani di Sua Maestà.

baghdad

Soldati Inglesi a Baghdad

Nel frattempo il 1 Marzo 1917, in Europa, il governo di Vienna cercava di dare un nuovo corso alle campagne belliche austriache con il cambio in corsa del comandante in capo dell’esercito: passando dal generale von Hötzendorf al generale von Straussenburg. La scelta dell’imperatore Carlo I fu sia di natura politico-militare che religiosa, in quanto il destituito era notoriamente un ateo materialista al contrario del sovrano fervente cattolico.

Progetto WW1: 1 Gennaio – 20 Febbraio 1917 – Il telegramma Zimmermann

“Abbiamo intenzione di cominciare il primo di febbraio una guerra sottomarina illimitata. Tenteremo però di far rimanere neutrali gli Stati Uniti d’America. Nel caso non riuscissimo, facciamo una proposta di alleanza al Messico sulle seguenti basi: condurre la guerra comunemente, siglare la pace comunemente, un generoso supporto finanziario e l’accettazione da parte nostra della riconquista messicana dei territori perduti del Texas, del Nuovo Messico e dell’Arizona. La discussione dei dettagli viene lasciata a voi. Informerete il Presidente di quanto sopra riportato nella maniera più segreta, non appena si profili la certezza della guerra contro gli Stati Uniti d’America, aggiungerete suggerimenti su vostra iniziativa, inviterete il Giappone ad un’adesione immediata ed allo stesso tempo farete da mediatore tra il Giappone e voi stessi. Per favore richiami l’attenzione del Presidente sul fatto che l’utilizzo illimitato dei nostri sottomarini ci offre la prospettiva di costringere l’Inghilterra a siglare la pace in pochi mesi. Firmato, Zimmermann.”

Questo è il testo integrale del celebre “telegramma Zimmermann” inviato il 16 Gennaio 1917 dal Ministro degli Esteri tedesco (Zimmermann appunto) al suo ambasciatore a Città del Messico. Il messaggio venne telegrafato in codice, ma gli Inglesi riuscirono a captarlo e a decifrarlo grazie ad un enorme lavoro di Intelligence. Il messaggio venne reso noto al governo degli Stati Uniti solo il 24 Febbraio 1917, dopo che una spia inglese era riuscita a sottrarre una copia cartacea del medesimo anche a Città del Messico. La rivelazione di questo telegramma giungeva in un momento di estrema tensione tra la Germania e gli Stati Uniti. Il 1 Febbraio 1917 le forze navali del Kaiser avevano ripreso la guerra sottomarina indiscriminata contro tutte le navi che facevano rotta verso il Regno Unito, affondando un numero consistente di mercantili americani, due giorni dopo gli Stati Uniti avevano interrotto i rapporti diplomatici con Berlino. Dopo che il telegramma decifrato arrivò sulla scrivania del presidente Wilson la situazione non fece altro che precipitare.

zimmerman_telegram_-_the_temptation

Il Messico, ancora immerso in una profonda instabilità politica, non era particolarmente interessato ad entrare in guerra contro l’ingombrante vicino del nord. C’era una forte tensione tra i due paesi, ma era impensabile per l’esercito messicano impegnarsi in una guerra di riconquista contro un avversario tecnologicamente più avanzato… e difficilmente la Germania avrebbe potuto dare un reale apporto in al di là dell’Atlantico. Se i diplomatici tedeschi avessero analizzato meglio la situazione del Messico si sarebbero risparmiati il dannosissimo telegramma.

Sui campi di battaglia europei si respirava una certa quiete, dopo la fine della Battaglia di Verdun e con l’inverno a farla da padrone.

Sul fronte della Mesopotamia e della Palestina invece c’era un discreto fermento, con l’esercito ottomano sempre più stremato da una guerra che diventava ogni giorno più disperata. Il 9 Gennaio 1917 con la vittoria nella Battaglia di Rafa le truppe dell’Impero Britannico cominciarono a penetrare con decisione proprio in Palestina.

Storie brevi: Nouvelle-France

In ogni epoca storica ci sono alcuni eventi che hanno segnato dei veri e propri punti di svolta destinati a cambiare per sempre la storia dell’umanità. Se analizziamo gli ultimi tre secoli di storia il vero punto di svolta è collocato il 10 febbraio 1763 quando la Francia dovette cedere il Canada alla Gran Bretagna, segnando per sempre la fine della Nuova Francia, ossia del colonialismo francese in Nord America. Senza questo passo fondamentale, epilogo della Guerra dei Sette Anni, molte cose non sarebbero accadute. In primo luogo la Rivoluzione Americana del 1776 difficilmente avrebbe avuto corso. La stessa Rivoluzione Francese, figlia della crisi economica patita dopo la sconfitta nel predetto conflitto, non ci sarebbe stata. Il ruolo della Prussia nei territori tedeschi sarebbe rimasto più controllato ancora per qualche decennio, il tutto a favore della corona di Vienna. Il signor Washington sarebbe rimasto un colonnello sconfitto di un esercito sconfitto, rintanato nelle “Tredici Colonie” nella speranza di non essere spazzato via da un esercito francese vittorioso. Qualche decennio dopo il signor Bonaparte sarebbe probabilmente diventato un ufficiale di successo di un esercito francese fedele al re e impegnato in chissà quale fronte coloniale (magari nell’India Francese). Una conclusione differente della Guerra dei Sette Anni avrebbe visto la Gran Bretagna allontanata dall’India e forse il signor Kipling sarebbe nato in Australia e avrebbe scritto pagine memorabili sugli Aborigeni. La volontà di potenza della Prussia sarebbe rimasta esorcizzata ancora per diverso tempo rendendo una unificazione tedesca ai danni di Vienna realizzabile con almeno 50 anni di ritardo. L’Ottocento non sarebbe mai diventato il secolo del Risorgimento e forse ancora oggi ci sarebbero molte più “teste coronate” in giro per l’Europa.

Nuova Francia

Nuova Francia

La Nuova Francia fu un’esperienza coloniale molto diversa rispetto a quella delle altre potenze nello stesso periodo. L’assalto al Nuovo Mondo vide la Spagna e il Portogallo misurarsi con i grandi imperi dell’America centro-meridionale, mentre la Francia, la Gran Bretagna e l’Olanda (in misura significativamente minore) si impegnarono nell’America settentrionale. Al Nord non esistevano né grandi imperi né popolazioni coese e culturalmente complesse, gli Indiani vivevano una vita molto semplice, ma ben radicata nel territorio. La Gran Bretagna insediò subito lungo la costa delle colonie di popolamento entrando in aspro conflitto con le popolazioni locali di cui si cercava di espropriare la terra. La Francia, partendo dal Canada a Nord e da Biloxi nel sud, strutturò invece una grande colonia di sfruttamento commerciale basata su una serie di forti costruiti in mezzo a territori sterminati. La presenza di coloni francesi era limitata e gli scontri con le popolazioni locali erano sensibilmente meno frequenti rispetto a quanto accadeva con gli Inglesi; il governo francese sapeva che per controllare una colonia così vasta non poteva fare a meno dell’apporto delle popolazioni locali, le quali vennero integrate nella struttura sociale della colonia. All’apice della colonizzazione francese più di metà degli attuali Canada e Stati Uniti era sotto il controllo della Francia e dei loro alleati Indiani e molte grandi città del continente furono fondate proprio come forti e stazioni commerciali francesi. Alcuni esempi? Montreal e Quebec, Detroit e Pittsburgh (allora Fort Duquesne), St. Louis e New Orleans, Jacksonville (allora Fort Caroline) e Mobile, Baton-Rouge e Memphis (allora Fort de l’Assimption), Kansas City (allora Fort Cavagnial) e Chicago.

i Francesi lasciano Fort Detroit agli Inglesi

I Francesi lasciano Fort Detroit agli Inglesi

Nonostante l’economia fiorente della Nuova Francia, la disparità di popolamento rispetto alle colonie britanniche avrebbe giocato un ruolo fondamentale durante la Guerra dei Sette Anni. I Francesi e i loro alleati (gli Abenachi e i Mi’kmaq) inizialmente ottennero una serie di vittorie sulle impreparate truppe britanniche, ma dal 1758 il governo di Londra intensificò gli sforzi armati nelle colonie spazzando via un forte dopo l’altro e conquistando le principali città francesi. Nel 1763 tutta la Nuova Francia era caduta sotto il controllo “relativo” della Gran Bretagna. Ancora oggi persistono tracce del passaggio francese in terra americana. Oltre alle città che abbiamo citato prima resta una forte identità francofona in Quebec e nel Nuovo Brunswick,entrambe regioni dell’attuale Canada. Ci sono luoghi e cose che devono il proprio nome ai grandi che servirono in queste terre per conto dei sovrani di Francia, ad esempio:

  • Tontitown in Arkansas prende il nome da Enrico Tonti, Italiano al soldo dei Francesi che fu tra i fondatori di Detroit, morto a Mobile in Alabama nel 1704
  • il lago Champlain negli stati del Vermont e di New York prende il nome da Samuel de Champlain che lo scoprì nel 1609
  • la casa automobilistica Cadillac prende il nome dal celebre esploratore Antoine Laumet de La Mothe signore di Cadillac, che fu governatore della Louisiana
Scena tratta dal film

Scena tratta dal film “L’ultimo dei Mohicani”

Progetto WW1: 20 Novembre – 31 Dicembre 1916

Gli ultimi 42 giorni dell’anno 1916 furono sicuramente tra i più intensi di tutto l’intero conflitto, sia sul piano bellico che su quello politico. Il 1917 avrebbe riservato moltissime sorprese che avrebbero pesato non solo sulla storia del conflitto, come ad esempio la Rivoluzione Russa. Ad ogni modo il 21 Novembre 1916 accadde un qualcosa di imprevisto che avrebbe minato definitamente il vacillante Impero Austro-Ungarico: la morte dell’Imperatore Francesco Giuseppe. La forte leadership del sovrano aveva tenuto insieme i brandelli della gloria viennese negli ultimi decenni, nonostante le infinite crisi che si erano susseguite e diverse tragedie famigliari che l’avevano colpito; la figura di Francesco Giuseppe meriterebbe un articolo a parte, che sicuramente prepareremo a breve. La sua morte destabilizzò tutto l’Impero e il successore designato, Carlo d’Asburgo, non sembrava una figura in grado di reggere l’enorme pressione della situazione politica di quei sanguinosi anni. Il nuovo Imperatore avrebbe dato il via a trattati di pace segreti con la Francia e l’Inghilterra, di nascosto dalla Germania, ma con la strenua opposizione dell’Italia; inoltre avrebbe devoluto un’autonomia sempre maggiore alle minoranze etniche in seno all’Impero innescando la miccia finale della sua dissoluzione. Sarebbero stati gli ultimi due anni di una storia iniziata nell’anno 962…

first-world-war-bucharest-romania-german-occupation-1917

1916 – I Tedeschi a Bucarest

L’instabilità viennese giungeva nel momento più inatteso, proprio quando nei Balcani gli Imperi Centrali conseguivano importanti vittorie ai danni dei Rumeni, sconfitti il 3 Dicembre 1916 nella Battaglia di Bucarest. La “piccola Parigi dell’Est” cadde nelle mani nemiche il 6 Dicembre 1916.

Nel frattempo restava problematica la situazione in Grecia, dove i dissensi tra la monarchia e le forze politiche degenerarono in una sorta di guerra civile al seguito di uno sbarco di truppe anglo-francesi ad Atene, avvenuto tra il 1 e il 3 Dicembre 1916. Il monarca Costantino non voleva più ingerenze degli Alleati sul suo territorio al fine di mantenere la massima neutralità nel conflitto, mentre il navigato politico Venizelos caldeggiava un’ingresso nel conflitto ai danni della Bulgaria e dell’Impero Ottomano. Nei disordini di quei giorni le truppe di Francia e Gran Bretagna si reimbarcarono. Ma la resa dei conti all’interno del Regno di Grecia era solo rimandata all’anno successivo.

Sul fronte del Sinai gli Inglesi riuscirono ad occupare posizione strategicamente rilevanti ai danni delle truppe ottomane  grazie alla vittoria nella Battaglia di Magdhaba del 23 Dicembre 1916. Il 1917 sarebbe stato l’anno buono per puntare all’assalto della Palestina.

Sul fronte occidentale il 1916 era stato un anno estremamente sanguinoso per tutti i contendenti, ma chi aveva patito più di tutti era stato l’esercito francese. Nonostante la conclusione della Battaglia di Verdun, il 19 Dicembre 1916 con la riconquista di molte posizione perse a vantaggio dei Tedeschi, c’era molto fermento delle insanguinate armate francesi. il 13 Dicembre 1916 venne destituito il comandante in capo dell’esercito francese Joseph Joffre, giudicato troppo molle nel comando. Al suo posto venne messo Robert Nivelle, che sarebbe diventato tristemente famoso durante le giornate degli ammutinamenti del 1917.